.:: Filo ::.

Home > > MESTIERI E PROFESSIONI > Web surfer
Web surfer

Appurato che i sistemi di ricerca automatica sono tutto tranne che infallibili, si è reso inevitabile il ricorso ai surfer. Persone che, aprendo pazientemente i vari siti, ne valutino i contenuti. E' un lavoro che possono fare un po' tutti, diplomati o laureati, a patto di aver confidenza con Internet e discrete basi riguardo a specifici argomenti. Non è necessario conoscere i linguaggi di programmazione: Link, un software studiato da Lycos, consente ad esempio di spostare i risultati delle ricerche nelle specifiche directory, scrivere i commenti ed effettuare tutte le operazioni molto semplicemente. è invece indispensabile saper valutare correttamente le informazioni contenute, la loro attendibilità e la fonte utilizzata.

Il web surfer è definito il "minatore della conoscenza" poichè è in grado di "raffinare" le informazioni sino a ricavare quanto sia perfettamente funzionale all'oggetto dello studio in corso. Si tratta di una figura professionale nuova e in via di definizione, almeno in Italia (nei paesi anglosassoni è più difusa), è difficile stabilirne i percorsi di carriera. Se ne può prevedere una crescente rilevanza per via dell'immenso quantitativo di informazioni diffuse e presenti in rete, il cui accesso è talvolta limitato a professionisti con competenze specifiche.

Generalmente, il web surfer si muove in un campo del sapere circoscritto (giuridico, amministrativo, artistico, medico, etc..) e interagisce con un committente altrettanto caratterizzato e definito: imprese, enti, società ma anche pubbliche amministrazioni che si avvalgono della collaborazione di uno specialista per le loro indagini.
L'utilizzo di banche dati per lo più inaccessibili o di difficile consultazione a causa dei complessi linguaggi di interrogazione, insieme all'accurata selezione delle fonti, rendono il navigatore documentalista un professionista in grado di far risparmiare tempo, lavoro e di ridurre i costi delle attività di ricerca.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

PROFILO

Il web surfer naviga in Internet alla ricerca di siti da segnalare e recensire. Il nome surfer deriva appunto da surfing, cioè navigare. Il termine web surfer è una metafora tra l'attività del surfista che cavalca le onde del mare e quella dell'esperto di internet che cavalca le onde ossia i siti presenti nel web.
Si tratta di un esperto della Rete che realizza ricerche, analisi e recensioni di siti web su commissione.
Il suo lavoro dipende dalle richieste delle aziende che lo commissionano. Il compito di chi si occupa di web surfing può essere ad esempio quello di navigare su internet cercando siti e fonti informative utili per arricchire i contenuti di un portale web, oppure quello di fornire delle recensioni relative a contenuti, usabilità, caratteristiche tecniche ecc. che caratterizzano determinati siti web, o ancora quello di analizzare la pubblicità presente su internet e fornire dei giudizi.
Le principali attività svolte dal web surfer sono la gestione dei contatti con i clienti e l'individuazione delle richieste, la programmazione del piano di ricerca e la raccolta, analisi e sintesi dei dati acquisiti. In dettaglio, si occupa di:

- gestione dei contatti con i clienti, individuazione delle richieste e stipulazione di contratti ad hoc; - programmazione del piano di ricerca;
- attuazione dell'indagine che consta di 3 fasi distinte: analisi dei dati, sintesi ed opportuna elaborazione del materiale acquisito;
- presentazione dello studio commissionato in forma di bibliografia con i relativi riferimenti online o come raccolta di dati.

La consegna del materiale può avvenire per:

- posta elettronica;
- chiavetta Usb;
- supporto cartaceo fatto pervenire per posta tradizionale o tramite fax.

Ulteriori servizi che l'information broker può offrire sono:

- l'adattamento e la traduzione di un o più testi, sintesi o relazioni corredate da grafici;
- abbonamenti per cui l'oggetto della ricerca viene di continuo monitorato e aggiornato;
- realizzazione di una sorta di rivista elaborata mediante pagine web in base alle specifiche esigenze del cliente;
- intermediazione tra enti e istituzioni di nazioni diverse e questo avviene in particolare nel settore del turismo;
- ricerca di partner potenziali o per sondare l'eventuale esistenza di concorrenti in un determinato ambito del mercato sul quale intendono investire;
- lezioni agli stessi utenti su come praticare la ricerca su Internet e le modalità per consultare un database.

Il web surfer può offrire servizi in abbonamento, per cui l'oggetto della ricerca viene continuamente monitorato e aggiornato. Si occupa, inoltre, di ricercare partner potenziali per i propri clienti o di studiare la concorrenza in una determinata area di mercato.
Facendo riferimento al campo della old economy, una figura prossima al navigatore documentalista è sicuramente quella del bibliotecario; specializzato anch'esso in una branca del sapere e con specifiche cognizioni nella classificazione e catalogazione dei dati.
Tra le competenze sviluppatesi nella Net economy, una professionalità di natura simile a quella del navigatore documentalista è quella del web surfer o data miner, colui che quotidianamente naviga sui siti Internet alla ricerca di informazioni utili all'azienda per la quale lavora.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

REQUISITI

Per diventare un surfer può rivelarsi utile ma non indispensabile una laurea, meglio se in materie tecniche o informatiche. Fondamentali invece dimestichezza con la Rete, curiosità, capacità di analisi e di osservazione e un'ottima conoscenza della lingua inglese.

Requisiti fondamentali per questa professione sono:

- la conoscenza di più di una lingua e, nello specifico, di quella inglese dal momento che la maggior parte delle banche dati sono in questo idioma;
- familiarità con le applicazioni software più diffuse e con le tecniche e i linguaggi di ricerca su Internet;
- solida preparazione culturale, preferibilmente di tipo universitario con specializzazione e aggiornamenti costanti per quanto concerne il ramo di studio prescelto;
- capacità di stabilire relazioni e costruire una rete di contatti;
- curiosità e una mentalità analitica ed orientata alla classificazione;
- intuito nella comprensione dei bisogni particolari del cliente;
- tenacia e metodo nell'indagine e accuratezza nelle modalità di presentazione del frutto della ricerca.

La capacità di vagliare attentamente e fare un'adeguata cernita della gran quantità di informazioni a disposizione, anche attraverso un'opera di confronto per appurarne l'effettiva autenticità, sono da considerarsi ulteriori requisiti indispensabili al ruolo.
Possedere un pc, una stampante di buona qualità un abbonamento professionale a Internet, costituiscono, chiaramente, un elemento essenziale per poter svolgere questo mestiere, così come è necessario disporre di contratti con fornitori di più di una banca dati, specializzata o generica, in base ai settori di azione in cui l'information broker intende andare ad operare.

Il web surfer deve saper captare nuove tendenze del mercato studiando i siti, deve essere in grado di delineare il profilo degli utenti e saper scrivere recensioni chiare, sintetiche garantendo obiettività.
La conoscenza dell'inglese è molto utile perché permette al web surfer di ampliare la propria area di analisi al di fuori dei confini web del nostro Paese.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

FORMAZIONE

I surfer non provengono da un percorso professionale omogeneo: possono essere universitari, diplomati, laureati alle prime armi, o semplicemente studenti appassionati di Internet. Non esistono scuole per questa professione che è relativamente nuova in Italia. Sicuramente è fondamentare possedere un'ottima conoscenza di internet, dei motori di ricerca, dei metodi di navigazione e delle tendenze che caratterizzano il web.
E' altrettanto importante una buona formazione di base, preferibilmente umanistica (laurea in comunicazione, marketing, lettere o corsi di giornalismo) perché il web surfer deve essere in grado di scrivere in modo corretto e conoscere almeno una seconda lingua, in particolare l'inglese.
Il web surfer è avvantaggiato nello svolgimento della sua attività se conosce i metodi di comunicazione e le strategie di marketing più utilizzate nel mondo del web.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

Il surfer è una professione recente la cui diffusione è determinata dello sviluppo delle Rete. Le maggiori opportunità di lavoro provengono dai motori di ricerca, dai siti Internet con contenuti, e, in generale, da tutte le aziende web che vogliono espandersi in Rete.
Particolarmente ricercati i surfer con competenze specifiche in un settore, in grado di effettuare una selezione e la successiva analisi del sito in modo competente ed efficace.
Spesso sono i più noti motori di ricerca o portali web che usufruiscono di queste figure professionali per effettuare analisi di vario genere. Altre volte i web surfer collaborano per grandi aziende che vogliono effettuare delle analisi di posizionamento del proprio marchio o dei propri prodotti, oppure che desiderano valutare l'efficacia di campagne pubblicitarie o promozionali o ancora reperire informazioni utili all'azienda nello studio di strategie di marketing.
Ma lavorare presso una di queste società non è l'unica alternativa possibile per questa figura professionale che trova impiego anche nei centri di documentazione di banche, camere di commercio, enti di ricerca e nei centro servizi dei distretti industriali.
Infine, il navigatore documentalista può anche decidere di lavorare come libero professionista senza spostarsi dalla propria abitazione. Per poter svolgere questa professione sono infatti necessari un computer, un modem veloce e un collegamento ad Internet che assicuri connessioni rapide.
Si tratta di un tipo di lavoro che si presta frequentemente a diventare telelavoro, non essendo indispensabile la presenza in ufficio.

Si può prevedere che tale profilo professionale sia destinato a ricoprire anche in Italia un ruolo di sempre più consistente rilevanza e questo anche per via dell'immenso quantitativo di informazioni diffuse e presenti in rete, l'accesso alle quali resta, tuttavia, un lavoro per professionisti con esperienza e specifiche competenze.
I vantaggi per il cliente, del resto, sono indubbi: riesce in tempi brevi ad ottenere solo ed esclusivamente le informazioni che gli interessano, risparmierà sui costi di traduzione e sull'elaborazione dei dati e si vedrà consegnata la documentazione nella forma a lui più congeniale.
Un consiglio fornito dai pionieri nel campo dell'information brokering nel nostro Paese è quello di presenziare agli eventi internazionali e non inerenti all'ambito in cui si è scelto di operare, presentandosi, chiaramente in maniera professionale e qualificata.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

PER SAPERNE DI PIU'

Per avere maggiori informazioni sulla figura professionale del web surfer, è possibile contattare:

- Aidb - Associazione italiana documentalisti brevettuali
piazzale Donegani 12, 44100 Ferrara
tel. 0532 467481 fax 0532 467675
e-mail info@aidb.it
sito web www.aidb.it.
Tra le varie sue attività svolge quella di supporto ad enti per la formazione di personale nel settore della documentalistica.

- Aida - Associazione italiana per la documentazione avanzata
c/o Caspur
via dei Tizii 6, 00185 Roma
e-mail aida@aidaweb.it
sito web: www.aidaweb.it.
L'associazione si propone di favorire lo sviluppo della professione del documentalista, delle attività e dei serviz di documentazione e, in genere, della cultura documentaria. Organizza corsi di formazione nell'ambito della ricerca ed elaborazione dati dal web.

Data: 27/07/2010
Fonte: Redazione

Torna su

Data di pubblicazione: 17/07/2011 16:11
Data di aggiornamento: 17/07/2011 16:11