.:: Filo ::.

Home > > MESTIERI E PROFESSIONI > Agente di commercio

Newsletter "Numeri e storie"

Agente di commercio

L'agente di commercio è un intermediario fra le imprese manifatturiere e le organizzazioni della distribuzione.
Egli visita le imprese commerciali proponendo l'acquisto di prodotti per conto di varie imprese o grossisti. In qualità di agente rappresentante può stipulare dei veri e propri contratti di vendita e negli ultimi anni quella dell'agente di vendita è diventata una figura professionale riconosciuta esperta nei sistemi di vendita, in grado di fornire assistenza globale al cliente.
L'agente è solitamente un lavoratore autonomo che ha la possibilità di gestire il tempo del lavoro in base al territorio in cui opera, all'ampiezza della clientela e alle metodologie per l'ottimizzazione dell'attività. Il grado di autonomia può variare in relazione al tipo di contratto che l'agente stipula con l'azienda mandataria.
Egli si serve, oltre che delle tecnologie informatiche, di un mezzo di trasporto, fornito talora dall'azienda. Il trattamento economico è altamente variabile, in base alla produzione e al tipo di accordo provvigionale.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PROFILO

L'agente, come il rappresentante, svolge un'attività di mediazione commerciale. Come semplice agente, recepisce gli ordini, riscuote i crediti e talvolta si occupa della consegna della merce. Come rappresentante invece si occupa anche della ricerca del committente e della definizione del contratto, e collabora con il produttore per lo studio delle tendenze evolutive del mercato.
Le caratteristiche e le competenze dell'agente possono variare notevolmente a seconda delle tipologie merceologiche del settore in cui opera. Con l'acquisizione del ruolo ci si può iscrivere al registro delle imprese della Camera di commercio. Per mettersi in regola con il Fisco il nuovo agente, come tutti gli altri lavoratori autonomi, deve chiedere all'ufficio provinciale competente il numero di partita Iva e far vidimare i libri contabili. In quattro-sei mesi e con una spesa di circa un milione si riesce a concludere l'intero percorso.
A questo punto è possibile farsi rilasciare un regolare mandato di agenzia da una qualsiasi azienda che opera in uno dei 230 settori o sottosettori merceologici presenti sul mercato. L'istituzione del ruolo non deve essere considerata come un impedimento burocratico, bensì come una tutela della professionalità della categoria e del mercato.
Quindi anche l'aspirante agente per svolgere l'attività deve dimostrare di possedere determinati requisiti.
Due i tipi di contratto in uso: monomandatario e plurimandatario. Per chi muove i primi passi di agente è consigliabile la seconda soluzione, una scelta che consente di lavorare con più aziende.
Legarsi a una sola società, magari poco conosciuta, presenta forti rischi: se le cose vanno male, si resta dall'oggi al domani senza lavoro. In genere solo i professionisti affermati concedono l'esclusiva, oltre il 70 per cento degli agenti di commercio italiani lavora con contratti plurimandatari.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

REQUISITI

Le caratteristiche necessarie per la professione dell'agente di commercio sono essenzialmente:

- approfondite conoscenze delle caratteristiche dei prodotti che propone;
- conoscenze informatiche;
- nozioni di contrattualistica commerciale;
- capacità relazionale;
- ambizione professionale.

Per svolgere bene l'attività di agente servono forti motivazioni, occorre raggiungere una propria identità, essere consapevoli del proprio ruolo di professionista della vendita. Sono finiti i tempi del venditore pedante, assillante e importuno.
Oggi il mercato richiede professionisti seri, preparati, capaci di costituire un ideale ponte tra produzione e commercio, esperti di marketing, sempre aggiornati sulle nuove tendenze, in grado di fornire alla propria azienda e alla clientela utili indicazioni di mercato.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

FORMAZIONE

Per svolgere l'attività di agente di commercio non sono richiesti titoli di studio particolari, anche se un diploma è generalmente ritenuto utile. è necessaria però l'iscrizione alla Camera di Commercio, dopo aver seguito un corso apposito e sostenuto un esame.Corsi specifici vengono organizzati direttamente da alcune aziende produttrici e tramite l'Enasarco si stanno predisponendo dei percorsi formativi.
In generale, oggi come ieri, la formazione avviene sul campo, con una visione più concreta del lavoro e l'acquisizione di strategie commerciali. Dal 1985, anno di istituzione del ruolo agenti e rappresentanti presso le Camere di commercio (una specie di albo professionale), l'accesso alla professione è regolamentato dalla legge 204.
Per iscriversi al ruolo occorre possedere un diploma di ragioneria o una laurea in discipline economiche, o titolo equivalente, oppure aver svolto per almeno due anni negli ultimi cinque l'attività di addetto alle vendite come dipendente.
Chi non possiede questi requisiti deve sostenere un esame di abilitazione presso le scuole autorizzate dalle Regioni che periodicamente promuovono corsi (con frequenza obbligatoria di tre mesi) per aspiranti agenti. L'esame riguarda argomenti come fisco, tributi, previdenza e il contratto d'agenzia. Un ostacolo che l'80 per cento dei candidati riesce a superare al primo tentativo.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

La tendenza di mercato sembra registrare una leggera flessione per quanto riguarda l'occupazione degli agenti di commercio, per cessazione dell'attività o per il trasferimento ad altre attività del settore.
L'agente di commercio tenderà ad assumere un ruolo più qualificato di collaboratore e consulente dell'impresa, accrescendo le sue capacità professionali con le conoscenze approfondite dei mercati, la disponibilità e l'attitudine ad assumere rischi e decisioni autonome.
Il grado di autonomia può variare in relazione al tipo di contratto che l'agente stipula con l'azienda mandataria.
Le indicazioni che provengono dal mercato richiedono per l'agente di vendita un ruolo più qualificato di collaboratore e consulente dell'impresa, accrescendo le sue capacità professionali con le conoscenze approfondite dei mercati, la disponibilità e l'attitudine ad assumere rischi e decisioni autonome.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PER SAPERNE DI PIU'

Per maggiori informazioni sulla figura professionale dell'agente di commercio possono essere reperite presso:

- Federagenti - Federazione Nazionale Agenti e Rappresentanti di Commercio
via Baldovinetti Palazzina Q, 33
00142 Roma
tel. 06 51530121 fax 06 51530536
e-mail: info@federagenti.org
sito web: www.federagenti.org
La Federagenti è un'associazione sindacale che opera su tutto il territorio nazionale e vanta circa 30.000 iscritti tra gli agenti, i rappresentanti di commercio e gli intermediari.

Data: 13/06/2006
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

Data di pubblicazione: 22/10/2011 13:38
Data di aggiornamento: 22/10/2011 13:38