.:: Filo ::.

Home > > MESTIERI E PROFESSIONI > Addetto al confezionamento
Addetto al confezionamento

L'addetto al confezionamento svolge attività relative alla conservazione, trasporto e vendita del prodotto alimentare. Queste attività possono variare a seconda del tipo di prodotto da confezionare e del materiale utilizzato.
Egli opera nel settore produzione di aziende alimentari, industriali o artigianali, e dipende da un caporeparto o da un operatore di linea. Il rapporto di lavoro può essere diverso a seconda delle esigenze produttive: dove la produzione è ciclica o stagionale il rapporto di lavoro può essere a tempo determinato o part time.
Egli può operare su tecnologie semplici o complesse o sovrintendere il funzionamento di una linea, nel caso in cui il grado di automazione sia elevato. Spesso, per esigenze organizzative, questo addetto svolgere lavoro a turni, anche di notte.
Lavora con macchinari e impianti (ad esempio riempitrici, aggraffatrici, astucciatrici, incartatrici, ecc. oppure pastorizzatrici, sterilizzatrici) che possono essere semplici o complesse: se la tecnologia utilizzata ha un livello di automazione più elevato, sovrintende principalmente al funzionamento di tutta la linea piuttosto che alle singole macchine.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PROFILO

L'addetto si occupa della predisposizione dei macchinari che servono per il confezionamento (caricamento dei materiali, come contenitori ed etichette), ne sorveglia l'alimentazione e il buon funzionamento.
I compiti possono essere i più svariati:

- aggraffatura;
- imbottigliamento;
- pastorizzazione;
- sterilizzazione;
- etichettatura;
- pallettizzazione;
- cellophanatura.

Alcune aziende hanno progressivamente sostituito l'addetto al confezionamento con figure professionali munite di una maggiore formazione, pari almeno alla qualifica ,che eseguono anche una prima manutenzione del macchinario di confezionamento ed i cambi di formato.
Il profilo professionale più prossimo è l'addetto al trattamento di frutta e ortaggi, a cui si aggiungono tutti quelli che fanno riferimento al personale ausiliario addetto all'imballaggio, al magazzino e alla consegna delle merci.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

REQUISITI

L'addetto al confezionamento deve conoscere bene il prodotto che deve confezionare, il tipo di confezionamento e le fasi che precedono e che seguono quella di sua competenza. Sono indispensabili poi conoscenze specifiche e competenze tecnico/professionali che concernono il funzionamento delle macchine, delle attrezzature utilizzate nella produzione e dei materiali utilizzati per il confezionamento.
In molti casi tra i compiti dell'addetto rientra il controllo a campione del prodotto confezionato e la registrazione dei dati su apposite carte di controllo.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

FORMAZIONE

Per accedere alla professione di addetto al confezionamento non sono necessari particolari percorsi formativi. Una qualifica professionale o un altro titolo di studio possono tuttavia agevolare la mobilità.
Solitamente la formazione avviene direttamente in azienda, in affiancamento ad addetti più esperti o attraverso un contratto di apprendistato.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

L'evoluzione dei materiali utilizzati e delle tecnologie ha determinato dei cambiamenti delle tecniche di confezionamento; di conseguenza anche gli assetti occupazionali e professionali subiranno necessariamente delle modifiche.
Sempre più di frequente viene richiesta una figura di addetto che oltre al confezionamento sappia occuparsi di una prima manutenzione del macchinario; la richiesta del mercato tenderà a concentrarsi su figure professionali più complesse, anche se in generale nell'industria alimentare le prospettive occupazionali restano positive.
L'addetto al confezionamento inserito in una produzione è stabile ha un rapporto di lavoro di tipo dipendente a tempo pieno e indeterminato. Con una produzione ciclica o stagionale, il rapporto di lavoro può essere sempre dipendente a tempo indeterminato, ma con contratto part-time (ad esempio "verticale" lavorando solo alcuni mesi l'anno) oppure dipendente a tempo determinato.
L'addetto dipende normalmente da un capo reparto o da un operatore di linea e ha relazioni con gli addetti alla produzione, alla logistica o alla manutenzione.
Lo sviluppo della carriera e la mobilità orizzontale possono consistere nella rotazione su più posizioni di lavoro, collegate a più macchine e nel passaggio ad altre fasi di lavorazione del prodotto. La mobilità verticale si può concretizzare nel passaggio da addetto ad operatore di linea o a capo reparto.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PER SAPERNE DI PIU'

Per ricevere ulteriori indicazioni sulla professione dell'addetto al confezionamento si possono contattare le categorie alimentari dei sindacati dei lavoratori, oppure contattare:

- Fai Cisl - Federazione Agroalimentare
via Tevere 20, 00198 Roma
e-mail: federazione.fai@cisl.it
sito web: www.fai.cisl.it.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

Data di pubblicazione: 05/10/2011 18:45
Data di aggiornamento: 05/10/2011 18:45