.:: Filo ::.

Home > > La patente europea del computer (ECDL) > ECDL in Europa

Newsletter "Numeri e storie"

ECDL in Europa

Chi si trova all’estero, per uno stage, una borsa di studio, Erasmus ecc, può ugualmente sostenere gli esami dell’ECDL (European Computer Driving License); sono ben 17 i paesi europei che hanno aderito al progetto.


Ecco le principali azioni di promozione del ECDL adottate da paesi aderenti:

 

Gran Bretagna
Il Ministero dell’Istruzione farà sostenere gli esami ECDL a tutto il suo personale amministrativo.
In molte scuole – tra cui 32 “Higher Education” e 98 “Further Education” – professori e studenti hanno conseguito la patente. Il Ministero dell’Industria si propone di far acquisire l’ECDL a tutti i suoi dirigenti.

 

Norvegia
Il Ministero dell’Istruzione farà acquisire l’ECDL a tutto il suo personale amministrativo. Molti licei propongono l’ECDL ai loro allievi.

 

Danimarca
Il Ministero della Ricerca e della Tecnologia offre un PC a prezzo simbolico ai professori che acquisiscono l’ECDL.

 

Germania
Il Ministero dell’Istruzione ha fornito il suo supporto per diffondere l’ECDL. Il Ministero del Commercio e dell’Industria ha individuato nell’ECDL un mezzo per sensibilizzare le imprese alla necessità di aumentare il livello di competenza dei collaboratori.

 

Austria
Il Ministero dell’Istruzione ha trovato nell’ECDL lo strumento ideale per certificare le competenze di professori e studenti. È già stato coinvolto un primo scaglione di 10.000 persone.

 

Ungheria
Il Governo ungherese ha stabilito che tutti gli impiegati degli uffici pubblici (diverse centinaia di migliaia di persone) devono essere in grado di usare il computer.

 

A questo proposito, il Governo ha deciso di adottare l’ECDL come certificazione standard. Il Decreto relativo (numero 1035/1999) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ungherese numero 33/1999 del 21 aprile 1999.

 

Data: 10/04/2007
Fonte: Redazione

 

Data di pubblicazione: 09/10/2013 14:20
Data di aggiornamento: 09/10/2013 14:23