.:: Filo ::.

Home > > Come diventare imprenditore > Tempo e denaro

Newsletter "Numeri e storie"

Tempo e denaro

Avviare un’attività in proprio o scegliere di essere professionisti autonomi comporta l’investimento di tempo e denaro, in parte anche proprio; infatti, per quanto esistano sul mercato diversi strumenti di sostegno alla neo imprenditoria (banche, leggi nazionali, regionali, strumenti di credito provinciali), l’andamento dell’attività, soprattutto nella fase iniziale, è contrassegnato da un alternarsi irregolare dei momenti in cui si devono affrontare esborsi per le spese di avvio e gestione e dei momenti in cui si incasseranno i proventi del proprio lavoro: spesso lontani l’uno dall’altro.
Proprio per permettere all’impresa di affrontare “serenamente” dal punto di vista finanziario le prime fasi di vita, nelle quali deve incominciare a farsi conoscere e conquistare il mercato, è necessario che alla base dell’attività ci sia del capitale proprio.
È questo periodo infatti il più critico dell’intera vita aziendale: puntualità, serietà e tempestività nel rispondere alla richieste della clientela, corretta ed efficiente gestione dei processi produttivi, attenta e precisa pianificazione dell’attività promozionale determineranno il successo futuro.
Diventare imprenditori non deve essere una seconda scelta, né avvenire senza avere coscienza della sfida intrapresa.
Chi adotta questa forma di lavoro come “area di parcheggio” in attesa del lavoro dipendente sperato, è destinato a fallire e a pagare duramente questo sbaglio.

Data: 15/01/2007
Fonte: Redazione

Data di pubblicazione: 02/10/2013 15:24
Data di aggiornamento: 02/10/2013 15:27