.:: Filo ::.

Home > Comunicazione > Scuola 24 > Quando la scuola illumina l'impresa

Newsletter "Numeri e storie"

Quando la scuola illumina l'impresa

Promuovere e diffondere cultura di impresa e innovazione

Le imprese sanno che la sfida competitiva dei territori e dei sistemi economico-sociali risiede nella capacità di innovare e di innovarsi, nella forza delle idee e nella qualità del capitale umano di cui si dispone, e sono alla ricerca di risorse umane pronte a rispondere immediatamente alle esigenze lavorative, grazie alle competenze maturate a scuola e nella formazione, e dotate di quelle capacità relazionali e trasversali, che nell’organizzazioni di oggi sono importanti quanto le hard skills.

Per questo le Camere di commercio, che ben conoscono i fabbisogni formativi e professionali delle imprese, sono impegnate a sostenere lo sviluppo dei territori e a investire nella valorizzazione del fattore umano, facendo da punto di congiunzione tra istituzioni scolastiche e mondo produttivo; ascoltando le esigenze professionali degli operatori economici; rafforzando i percorsi di alternanza scuola-lavoro e di diffusione della «cultura dell’impresa e dell’innovazione»; cooperando alla formazione di risorse umane adeguatamente preparate ad affrontare, con le imprese e nell’interesse dell’intera collettività, le sfide dell’economia globale.

Il premio Unioncamere «Scuola, Creatività e Innovazione» è un esempio, semplice e concreto, dell’impegno che il sistema camerale spende nel sensibilizzare il mondo della scuola, i giovani e le loro famiglie su temi, essenziali per lo sviluppo della società della conoscenza, come l’innovazione, la creatività, la “cultura d’impresa” e l’“educazione all’imprenditorialità”; nel suggerire lo sviluppo di atteggiamenti “imprenditivi” utili nella ricerca e nell’esercizio lavorativo futuro e nel favorire la crescita di “competenze imprenditoriali” necessarie per coloro che vogliono “mettersi in proprio”.

La proposta di un metodo di studio/lavoro, didatticamente innovativo, è la vera opportunità offerta ai giovani studenti dall’iniziativa. Il percorso ha richiesto ai partecipanti di sviluppare la loro capacità di osservare da più punti di vista i processi, di superare la continuità e la tradizione, di valutare la trasferibilità di un’idea in un progetto attuabile di cambiamento, di esercitare la loro capacità di immaginare più avanti e di osare con concretezza. Gli studenti hanno anche sperimentato le potenzialità del lavoro di gruppo e l’arricchimento offerto dai contributi di molti e diversi talenti di una comunità estesa che include, insieme a studenti e docenti, esperti e aziende, chiamati a collaborare e portare il proprio contributo di esperienza e know-how per ottenere un risultato migliore.

Premio Unioncamere “Scuola Creatività e Innovazione”,
VII edizione – 2014. I classificato, per “Prodotti e Servizi”: Realtà dimenticate dell’Istituto G. Misticoni _V. Belisario di Pescara.

Premio Unioncamere “Scuola Creatività e Innovazione”, VII edizione – 2014. EcoVillage (Prodotti e Servizi) dell’Istituto Tecnico Industriale Don Bosco de il Cairo (Egitto).
I risultati ottenuti risiedono concretamente nelle mille e più idee trasferite in progetti reali dai ragazzi che hanno partecipato alle sette edizioni del concorso, tra 2004 e 2014. Ne sono un bell’esempio le testimonianze di coloro vi hanno preso parte, studenti, tutor scolastici e aziendali, ma anche rappresentanti del sistema camerale, che sui territori hanno accompagnato e assistito i ragazzi nelle loro realizzazioni.  

L’innovazione didattica e metodologica di ”Scuola, Creatività e Innovazione” è ora un’esperienza condivisa e diffusa sui territori che ripropongono gare e iniziative, rivolte ai giovani studenti delle scuole superiori e agli universitari, azioni che coniugano innovazione, creatività e imprenditorialità, allo scopo di far crescere nei giovani la consapevolezza che le idee e i sogni possono trasformarsi in progetti di business e al contempo la capacità e la responsabilità di pensare al proprio lavoro anche in un’ottica imprenditoriale.


Il nostro futuro è più grande del nostro passato (Ben Okri, scrittore  e poeta nigeriano).

Data di pubblicazione: 10/11/2014 11:30
Data di aggiornamento: 25/11/2014 10:46