.:: Filo ::.

Home > Agricoltura e allevamento > Mestieri e professioni: vivaista > Vivaista: la formazione
Vivaista: la formazione

Per diventare vivaista non è necessario essere in possesso di un titolo di studio specifico, ma è sufficienteterminare la scuola dell’obbligo e fare alcuni anni di pratica in azienda. Tuttavia, la regolare frequenza di istituti superiori, quali per esempio l’Istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente, e di corsi universitari o di specializzazione, permette di gestire queste attività con maggiori possibilitàdi successo.


Per una specializzazione di qualità nel settorefloro-vivaistico segnaliamo il Centro lombardo per l’incremento della floro-orto-frutticoltura di Vertemate con Minoprio(Como), situato a circa 30 km da Milano, che organizza corsi di formazione post obbligo, post diploma e post laurea di vivaismo egiardinaggio, con possibilità di svolgere tirocini in Italia e all’estero.
Segnaliamo anche la Scuola Agraria del Parco di Monza che organizza corsi collegati alla cura e alla potatura degli alberi ornamentali, tecniche di tree climbing e corsi gratuiti di formazione professionale finanziati dalla Provincia di Milano.
 

Per una formazione più approfondita è consigliabile frequentare un corso di laurea. Fra i corsi attivati sul territorio nazionalesegnaliamo:

  • Laurea in Produzioni vegetali;
  • Laurea in Tecnologie delle produzioni;
  • Laurea in Scienze vivaistiche, ambiente e gestione del verde;
  • Laurea in Florovivaismo.

 

Ricordiamo che le denominazioni dei corsi vengono attribuite direttamente dalle università ed è quindi opportuno rivolgersi alle segreterie locali per ottenere maggiori informazioni. Per un quadro completo dell’offerta universitaria, rimandiamo alla banca dati http://cercauniversita.cineca.it.


Le singole regioni e le associazioni di categoria (Coldiretti, Confagricoltura, Confederazione italiana agricoltori) organizzano corsi di formazione a tema per chi intende acquisire una preparazione specifica.
 

La Comunità europea stanzia periodicamente appositi fondi per chi si dedica ad attività floricole e le Regioni emanano leggi e provvedimenti specifici per agevolare la creazione e la conduzione di nuove imprese nei settore dell’agricolturae del florovivaismo.

 

Data: 11/05/2009
Fonte: Redazione

Data di pubblicazione: 17/10/2013 15:59
Data di aggiornamento: 17/10/2013 16:00

Filo sul territorio

Trova per tematiche

Trova per tipologia

Trova per profilo

Voci Collegate